.
Annunci online

“Psicologia delle Folle”


     di Gustav Le Bon
 scaricalo cliccando qui






Background by EditingMySpace.com

il mondo di Tiziana


 
 




 




  
  
 
   
 



 


 



"Ho visto tutti 'sti balordi, queste zecche del cazzo"
"...Speriamo che muoiano tutti..."

Ascolta le conversazioni della Polizia al G8


audio hosting by Twango


Sito ottimizzato per Firefox
















DISCLAIMER: L'autore dichiara
che le immagini contenute in questo
blog sono immagini già pubblicate in
internet e che solamente i titoli dei
post ed il loro contenuto (dove non
 altrimenti indicato) sono frutto del
proprio ingegno. Se dovesse
pubblicare materiale protetto
da copyright non esitate a contattare
l'autore che provvederà
immediatamente a rimuoverlo.
Inoltre l’autore dichiara di non
essere responsabile per i commenti
inseriti nei post e che eventuali
commenti dei lettori, lesivi della
immagine o dell'onorabilità di
persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno
 se il commento viene espresso
 in forma anonima o criptata.
In ogni caso i commenti anonimi
e/o volgari saranno
inevitabilmente cancellati.
Questo blog non è a scopo
di lucro. Inoltre questo blog
non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene
aggiornato senza alcuna
periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto
editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 7.03.2001.
______________________




Blog attivo dal 21/06/2006

Proprietà dell'immagine
Proprietà del link
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella
Inserire una riga sopra
Inserire una riga sotto
Eliminare riga
Inserire colonna a sinistra
Inserire colonna a destra
Cancellare colonna
Unire celle orizzontalmente
Unire celle verticalmente
Dividere cella
Eliminare cella
Proprietà della cella
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella

 
7 luglio 2006
Jill, sei andata a controllare i bambini?

In una casa isolata in cima a una collina, la studentessa Jill Johnson si prepara a trascorrere una tranquilla serata di babysitting. I genitori sono usciti e i bambini dormono già, così Jill chiude a chiave la porta, mette l'allarme e si appresta a esplorare la splendida casa in cui si trova. Ma dopo una serie di inquietanti telefonate da parte di uno sconosciuto che la invita ripetutamente a "controllare i bambini", la ragazza cade in preda al panico.

 

A cura di Emanuele.

Era il 1979 quando Fred Walton firmò l’agghiacciante “Quando chiama uno sconosciuto” con la brava Carol Kane che interpretava la babysitter Jill Johnson. E da quando “Scream” nel 1996 portò alla ribalta l’incipit della chiamata telefonica da parte di un maniaco, i film pensati e fatti su questa falsa riga da Hollywood non si sono più contati (ricorderete “The Ring”). Dal film di Walton nasce questo squisito remake diretto da Simon West (“Con Air” e “Tomb Raider”) dal titolo “Chiamata da uno sconosciuto”, opera modesta ma di buona fattura. Oggi che il cinema è un pò a corto di idee notiamo con piacere che l’ennesimo remake è attinto da una pellicola di qualità. In questo periodo estivo, pieno di horror e film di dubbio spessore artistico segnaliamo volentieri a chiunque volesse andare al cinema, ma vi rinuncia dubbioso (e a ragione), la presenza nelle sale di questo bel thriller che rinuncia a gratuiti spargimenti di sangue arrivando alla suspence e al brivido attraverso altri meccanismi, come le numerose soggettive e un ottimo montaggio di suoni ed immagini. La pellicola appartiene a quella tipologia di opere all’interno delle quali non accade nulla, ma questo nulla è raccontato terribilmente bene, un po’ come avvenne in film come “Le verità Nascoste” di Zemeckis con Harrison Ford e Michelle Pfeiffer: opera in cui per un’ora e mezza non accadeva niente, eppure spaventosamente agghiacciante. Non vi sorprendete quindi se vi ritroverete per quasi tutto il film con le mani a coprirvi gli occhi attorcigliati sulla poltrona aspettando semplicemente che una porta si chiuda, la tensione rimarrà alta e fortissima a lungo. Attenzione però : questa paura è figlia dell’attesa, e quando ormai tutte le carte saranno in tavola, il film perderà del tutto la sua tensione, regalandoci il serial-killer più maldestro ed incapace della storia del cinema! Attenderete per tutto il film l’incontro tra i due, che accadrà solo a pochi minuti dalla fine. Nonostante la conclusione del film sia decisamente sottotono, l’ansia profusa attraverso una casa sinistra, chiamate minacciose, una nottata ventosa in riva al lago e l'ottimo montaggio di tutti questi pezzi del puzzle, vi avrà comunque reso gradevolissima la visione del film.




permalink | inviato da il 7/7/2006 alle 19:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte