.
Annunci online

“Psicologia delle Folle”


     di Gustav Le Bon
 scaricalo cliccando qui






Background by EditingMySpace.com

il mondo di Tiziana


 
 




 




  
  
 
   
 



 


 



"Ho visto tutti 'sti balordi, queste zecche del cazzo"
"...Speriamo che muoiano tutti..."

Ascolta le conversazioni della Polizia al G8


audio hosting by Twango


Sito ottimizzato per Firefox
















DISCLAIMER: L'autore dichiara
che le immagini contenute in questo
blog sono immagini già pubblicate in
internet e che solamente i titoli dei
post ed il loro contenuto (dove non
 altrimenti indicato) sono frutto del
proprio ingegno. Se dovesse
pubblicare materiale protetto
da copyright non esitate a contattare
l'autore che provvederà
immediatamente a rimuoverlo.
Inoltre l’autore dichiara di non
essere responsabile per i commenti
inseriti nei post e che eventuali
commenti dei lettori, lesivi della
immagine o dell'onorabilità di
persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno
 se il commento viene espresso
 in forma anonima o criptata.
In ogni caso i commenti anonimi
e/o volgari saranno
inevitabilmente cancellati.
Questo blog non è a scopo
di lucro. Inoltre questo blog
non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene
aggiornato senza alcuna
periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto
editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 7.03.2001.
______________________




Blog attivo dal 21/06/2006

Proprietà dell'immagine
Proprietà del link
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella
Inserire una riga sopra
Inserire una riga sotto
Eliminare riga
Inserire colonna a sinistra
Inserire colonna a destra
Cancellare colonna
Unire celle orizzontalmente
Unire celle verticalmente
Dividere cella
Eliminare cella
Proprietà della cella
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella

 
SOCIETA'
16 novembre 2006
E UNA BRECCIA SI APRI'

Torniamo a parlare d’eutanasia dopo che l’argomento tabù era stato nuovamente rilegato in secondo piano dopo le sommosse provocate dalle dichiarazioni di Piergiorgio Welby. Dopo due settimane in cui l’opinione pubblica si era scissa, schierandosi drasticamente a favore o fermamente contro l’eutanasia, era calato il tipico velo di silenzio sulla vicenda e sul tema, come sempre accade quando gli animi si accendono con facilità ma seguono poche azioni. Tuttavia, ieri si è tornato a parlare dell’argomento, stavolta per voce della chiesa britannica, che per la prima volta mostra un segno di apertura verso l’eutanasia. Il reverendo Tom Butler, a capo della diocesi di Southwark, infatti, ha ascoltato la richiesta del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, un’associazione medica che richiedeva l’attuazione dell’eutanasia per i casi più gravi di neonati portatori di severissime disfunzioni e handicap, che non permetterebbero loro di condurre una vita normale, ma li costringerebbero ad una vita in stato semi-vegetativo, sottoponendoli inoltre a terribili dolori fisici. Tom Butler ha sconvolto l’opinione pubblica ed i fedeli presenti, dando voce ad esternazioni che condividevano le preoccupazioni dell’associazione, e che invitavano ad avvicinare una nuova forma di “pietà cristiana” verso le piccole creature, in termini di alleviamento da indicibili sofferenze. La Chiesta ha saputo parlare di “dolce morte”. Questo termine spesso suscita orrore, poiché appare contraddittorio. Può la morte essere vista come qualcosa di dolce? Quasi da agognare? Credo che solo i malati terminali o coloro che devono sopportare ogni giorno di vita in più, vivendolo come un supplizio, possano realmente parlare di valore della vita. Tom Butler, afferma dall’alto della sua carica che "in alcune circostanze può essere giusto interrompere o togliere una cura, sapendo che è possibile,  e fortemente probabile, che tale atto provochi la morte.” La grandezza di vedute di tale vescovo cerca di estendere tale messaggio all’intera chiesa anglicana, seppur ribadendo l’importanza di una severissima regolamentazione per guidare tali decisioni. In Gran Bretagna rimane tristemente celebre il caso di Charlotte, nata prematura di tre mesi. Pur scontrandosi contro il parere assolutamente contrario dei medici, che comprendevano che la piccola versava in condizioni gravissime e avrebbe riportato severissime lesioni, i genitori hanno imposto di mantenerla in vita, con ogni possibile mezzo. La bambina ha riportato terribili danni cerebrali permanenti, nonché gravi disfunzioni polmonari, sopravvivendo attraverso un’alimentazione artificiale in stato completamente vegetativo.  Poco dopo i genitori si sono separati ed hanno abbandonato la figlia in ospedale, unico luogo dove possa ricevere il sostentamento necessario per sopravvivere. I genitori tuttavia hanno scelto di cederla in adozione.

Fino a dove può spingersi l’egoismo umano??

Tiziana




permalink | inviato da il 16/11/2006 alle 14:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte