.
Annunci online

“Psicologia delle Folle”


     di Gustav Le Bon
 scaricalo cliccando qui






Background by EditingMySpace.com

il mondo di Tiziana


 
 




 




  
  
 
   
 



 


 



"Ho visto tutti 'sti balordi, queste zecche del cazzo"
"...Speriamo che muoiano tutti..."

Ascolta le conversazioni della Polizia al G8


audio hosting by Twango


Sito ottimizzato per Firefox
















DISCLAIMER: L'autore dichiara
che le immagini contenute in questo
blog sono immagini già pubblicate in
internet e che solamente i titoli dei
post ed il loro contenuto (dove non
 altrimenti indicato) sono frutto del
proprio ingegno. Se dovesse
pubblicare materiale protetto
da copyright non esitate a contattare
l'autore che provvederà
immediatamente a rimuoverlo.
Inoltre l’autore dichiara di non
essere responsabile per i commenti
inseriti nei post e che eventuali
commenti dei lettori, lesivi della
immagine o dell'onorabilità di
persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno
 se il commento viene espresso
 in forma anonima o criptata.
In ogni caso i commenti anonimi
e/o volgari saranno
inevitabilmente cancellati.
Questo blog non è a scopo
di lucro. Inoltre questo blog
non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene
aggiornato senza alcuna
periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto
editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 7.03.2001.
______________________




Blog attivo dal 21/06/2006

Proprietà dell'immagine
Proprietà del link
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella
Inserire una riga sopra
Inserire una riga sotto
Eliminare riga
Inserire colonna a sinistra
Inserire colonna a destra
Cancellare colonna
Unire celle orizzontalmente
Unire celle verticalmente
Dividere cella
Eliminare cella
Proprietà della cella
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella

 
SOCIETA'
3 settembre 2007
Mi chiamo O. e non leggerai mai la mia storia

O. è un ragazzo brasiliano. Non è esattamente un mio amico, le nostre strade si sono incrociate un paio di volte davanti a un piatto caldo, nulla più. Era giunto in Italia dal suo paese natale spinto da una fervente fede cattolica, e aveva scelto il nostro Paese per prendere i voti. Dal Brasile, ai suoi occhi, arrivava un’immagine edulcorata dell’Italia: cattolica e piena di morale religiosa. Qui c’è il Papa, e poi migliaia di opere d’arte e chiese: quale paese migliore per il noviziato se non l’Italia?! Del tutto comprensibile.
Dicevo: O. giunse qui per prendere i voti. Parlammo abbastanza quelle sere, grazie anche alla mediazione di Tiziana, che col suo perfetto spagnolo si intendeva molto bene col portoghese di O. Da quelle chiacchierate senza pretese capimmo che O. era un ragazzo squisito e aveva una vera fede; non spetta a me dire quanto spiccata, ma del tutto sincera.
O. non ci mise molto a capire quale fosse l’iter per prendere i voti, e pochissimo tempo dopo sparì. Il cammino per farsi prete consisteva inizialmente in 5 anni di clausura presso un convento di Roma. Parlare con lui divenne impossibile. Ma passarono 4 settimane, appena quattro misere settimane e avemmo sue notizie tramite e-mail. Ciò che leggemmo ci lasciò di stucco… O. ci mise al corrente di quello che gli stava accadendo in convento: qualche giorno dopo essere arrivato gli era stato aperto l’armadietto ed era stato derubato di tutta la sua roba. Dopo poco, inoltre, iniziò a comprendere che tutti gli altri novizi lì con lui erano per la maggior parte omosessuali, spinti lì o nel tentativo di auto-reprimere i loro istinti ai loro occhi deviati e peccaminosi, o costretti a farsi frati sotto la pressione della famiglia di appartenenza che mal digeriva il loro orientamento sessuale. Inoltre, il prete che aveva il compito di guidare i novizi nel loro cammino spirituale, mal celava i suoi giornalieri incontri sessuali con un uomo esterno al convento. O. rimase impietrito da ciò che lo circondava: in appena 4 settimane era entrato in contatto con ladri, repressi, e preti che praticavano quotidianamente sesso, il tutto nella più totale falsità: la mattina a battersi il petto, la sera a fare sesso, derubare il prossimo, o a maledirsi per essere “diversi”. Ai suoi occhi quella era semplicemente l’antitesi di tutto ciò che per lui erano un luogo e degli uomini di fede. La nausea lo vinse. Ora sta facendo le pratiche per andarsene da lì, opterà per un noviziato in Brasile, sperando vada meglio di questo. Le sue ultime parole contenute nell’e-mail furono: “Lascio, perché Dio è in tutti i posti, tranne qui”. Amen.

Emanuele



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. chiesa cattolica ipocrisia

permalink | inviato da ema e tizi il 3/9/2007 alle 0:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte