.
Annunci online

“Psicologia delle Folle”


     di Gustav Le Bon
 scaricalo cliccando qui






Background by EditingMySpace.com

il mondo di Tiziana


 
 




 




  
  
 
   
 



 


 



"Ho visto tutti 'sti balordi, queste zecche del cazzo"
"...Speriamo che muoiano tutti..."

Ascolta le conversazioni della Polizia al G8


audio hosting by Twango


Sito ottimizzato per Firefox
















DISCLAIMER: L'autore dichiara
che le immagini contenute in questo
blog sono immagini già pubblicate in
internet e che solamente i titoli dei
post ed il loro contenuto (dove non
 altrimenti indicato) sono frutto del
proprio ingegno. Se dovesse
pubblicare materiale protetto
da copyright non esitate a contattare
l'autore che provvederà
immediatamente a rimuoverlo.
Inoltre l’autore dichiara di non
essere responsabile per i commenti
inseriti nei post e che eventuali
commenti dei lettori, lesivi della
immagine o dell'onorabilità di
persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno
 se il commento viene espresso
 in forma anonima o criptata.
In ogni caso i commenti anonimi
e/o volgari saranno
inevitabilmente cancellati.
Questo blog non è a scopo
di lucro. Inoltre questo blog
non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene
aggiornato senza alcuna
periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto
editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 7.03.2001.
______________________




Blog attivo dal 21/06/2006

Proprietà dell'immagine
Proprietà del link
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella
Inserire una riga sopra
Inserire una riga sotto
Eliminare riga
Inserire colonna a sinistra
Inserire colonna a destra
Cancellare colonna
Unire celle orizzontalmente
Unire celle verticalmente
Dividere cella
Eliminare cella
Proprietà della cella
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella

 
diari di viaggio
9 aprile 2009
Feriti a morte


Certi amori non finiscono. Questo è quanto scritto da una ragazza o un ragazzo, molto probabilmente adolescenti, su un muro vicino casa mia con una bomboletta. La frase, che cita una nota canzone di Venditti, è sviluppata su due righe: Certi amori, e poi sotto non finiscono.


Una seconda persona ha scritto trasversalmente su questa frase, occupando cioè entrambe le righe, un suo pensiero in merito: STRONZATA.

 

Che poi a queste cose ci faccio parecchio caso, perché le reputo un bellissimo tornasole di ciò che ci circonda, di quella cosa dai confini liquidi che chiamiamo società. Il graffitaro è il pittore post-moderno, e pertanto dobbiamo prestarci particolare attenzione a quello che fa e che crea.

 

Ebbene, frasi del genere mi fanno pensare che la nostra società non è morta, ma ferita a morte, che è peggio.

 

Niente finisce, perché la fine non esiste. È solo una parola pretestuosa e ricattatoria per delimitare le esperienze umane. Tutto è un perpetuo ritornare e divenire. Ieri, oggi, domani. Sarai per sempre ciò che sei stato. E come glielo spieghi a un ragazzino che il suo amore non è finito? Che non è vero che è una stronzata. Che il cinismo non fa maturare più in fretta. Che non siamo merce che scade. Che l’amore siamo noi, perché siamo noi la poesia, perché siamo noi il bello. Perché anche lui è tutto ciò.

 

Non glielo spieghi al ragazzino, è evidente. Abbiamo perso. E questo graffito che leggo tutti i giorni sta lì, a ricordarci la nostra atroce sconfitta. Ché se fossimo morti, una frase del genere l’avremmo letta una volta soltanto. Invece siamo feriti a morte, e atrocità del genere dobbiamo leggerle tutti i giorni. È il nostro destino e la nostra perenne pena. Dannati. Per sempre. A vivere.

 

C’hanno davvero preso tutto, direbbe il poeta.

 

Emanuele





permalink | inviato da ema e tizi il 9/4/2009 alle 20:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 417552 volte