.
Annunci online

“Psicologia delle Folle”


     di Gustav Le Bon
 scaricalo cliccando qui






Background by EditingMySpace.com

il mondo di Tiziana


 
 




 




  
  
 
   
 



 


 



"Ho visto tutti 'sti balordi, queste zecche del cazzo"
"...Speriamo che muoiano tutti..."

Ascolta le conversazioni della Polizia al G8


audio hosting by Twango


Sito ottimizzato per Firefox
















DISCLAIMER: L'autore dichiara
che le immagini contenute in questo
blog sono immagini già pubblicate in
internet e che solamente i titoli dei
post ed il loro contenuto (dove non
 altrimenti indicato) sono frutto del
proprio ingegno. Se dovesse
pubblicare materiale protetto
da copyright non esitate a contattare
l'autore che provvederà
immediatamente a rimuoverlo.
Inoltre l’autore dichiara di non
essere responsabile per i commenti
inseriti nei post e che eventuali
commenti dei lettori, lesivi della
immagine o dell'onorabilità di
persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno
 se il commento viene espresso
 in forma anonima o criptata.
In ogni caso i commenti anonimi
e/o volgari saranno
inevitabilmente cancellati.
Questo blog non è a scopo
di lucro. Inoltre questo blog
non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene
aggiornato senza alcuna
periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto
editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 7.03.2001.
______________________




Blog attivo dal 21/06/2006

Proprietà dell'immagine
Proprietà del link
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella
Inserire una riga sopra
Inserire una riga sotto
Eliminare riga
Inserire colonna a sinistra
Inserire colonna a destra
Cancellare colonna
Unire celle orizzontalmente
Unire celle verticalmente
Dividere cella
Eliminare cella
Proprietà della cella
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella

 
politica interna
8 gennaio 2008
la Guerriglia dei Rifiuti

E poi vogliono farci credere che non è uno Stato di Polizia repressivo. La folla pacificamente protesta, lo Stato fascista assalta e picchia. De Gennaro, lo stesso della scuola Diaz, è stato assunto a commissario per l’emergenza rifiuti. Chissà perché gli aguzzini hanno sempre lo stesso volto… Solo in un Paese incivile si è costretti ad assistere impotenti alle ennesime immagini di poliziotti armati che si scagliano con violenza contro manifestanti innocui. Questi poliziotti sono alla stregua delle bestie.

Emanuele e Tiziana

diritti
6 gennaio 2008
Miopismi ideologici

Solo i post-fascisti di Alleanza Nazionale potevano esprimere il loro dissenso anti-Bassolino/Iervolino in quel modo macabro. Solo loro potevano impiccare virtualmente i corresponsabili dell’emergenza munnezza. Qualsiasi protesta sembrerebbe legittima in una Regione così martorizzata. Questa va al di là di qualsiasi forma di rabbia e disperazione. Non porta a niente di buono. Del resto, loro fanno i liberali e si alleano con Berlusconi ma l’olio di ricino non l’hanno mai rinnegato… [fonte]

Miope. Riportare una metodologia di protesta a ideologie politiche significa strumentalizzare ciò che sta accadendo. Dire che chi impicca manichini è fascista significa distrarre l’opinione dai reali contenuti del dissenso popolare espresso. E questo lo dico io, comunista. Non metto in dubbio la mano di AN dietro a certi gesti, ma questo non vuol dire proprio nulla, dacché la coscienza di classe non si vende al supermercato, anche se i napoletani che hanno commesso questo gesto lo vorrebbero tanto. Il popolo che dissente è indicatore di democraticità, che ciò piaccia o meno. Accade che un popolo, quello napoletano, è in balia e vittima di uno Stato assente, e la sua unica possibilità di emergere in tutta questa (dis)informazione è quella di esasperare la protesta. Persino i no-global non differiscono sotto questo punto di vista: incendiano bandiere, sfasciano vetrine, solo perché questo, oggigiorno, è l’unico modo per arrivare agli onori della cronaca. I media mainstream parlano solo di ciò che fa loro comodo, questo è arcinoto. Si è arrivati, purtroppo, ad un assetto sociale in cui chi alza la voce viene sentito, chi è pacato e ragiona quietamente viene snobbato. Questo lo dico con profonda amarezza, s’intende, ma così è. Ora: da quant’è che non si parlava più dell’emergenza rifiuti a Napoli? Da tre mesi? Dall’ultimo rogo per le strade comunque. E il problema è stato forse risolto? Poi si ridà fuoco alla spazzatura per strada, si impicca qualche fantoccio e -magia- si ritorna a parlare della problematica questione dei rifiuti. Protestare pacificamente è un metodo socialmente sorpassato (se si vuol essere uditi), e questo non è colpa né dei napoletani di AN né dei no-global, ma di chi ha ridotto la lotta e il dissenso a cortei con un inizio ed una fine, due megafoni in mezzo, e tutta polizia intorno a sincerarsi che nessuno sgarri. Lo Stato non ci sente, e noi alziamo la voce. Ciò che sta accadendo ora a Napoli è profondamente democratico, sempre se per democrazia intendiamo ancora ‘partecipazione collettiva alla vita del Paese’. Il popolo non è asservito al potere, il popolo è il potere. A Montecitorio questa cosa non va troppo giù, ma non me ne sorprendo.

Emanuele


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli rifiuti ideologie

permalink | inviato da ema e tizi il 6/1/2008 alle 22:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte