.
Annunci online

“Psicologia delle Folle”


     di Gustav Le Bon
 scaricalo cliccando qui






Background by EditingMySpace.com

il mondo di Tiziana


 
 




 




  
  
 
   
 



 


 



"Ho visto tutti 'sti balordi, queste zecche del cazzo"
"...Speriamo che muoiano tutti..."

Ascolta le conversazioni della Polizia al G8


audio hosting by Twango


Sito ottimizzato per Firefox
















DISCLAIMER: L'autore dichiara
che le immagini contenute in questo
blog sono immagini già pubblicate in
internet e che solamente i titoli dei
post ed il loro contenuto (dove non
 altrimenti indicato) sono frutto del
proprio ingegno. Se dovesse
pubblicare materiale protetto
da copyright non esitate a contattare
l'autore che provvederà
immediatamente a rimuoverlo.
Inoltre l’autore dichiara di non
essere responsabile per i commenti
inseriti nei post e che eventuali
commenti dei lettori, lesivi della
immagine o dell'onorabilità di
persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno
 se il commento viene espresso
 in forma anonima o criptata.
In ogni caso i commenti anonimi
e/o volgari saranno
inevitabilmente cancellati.
Questo blog non è a scopo
di lucro. Inoltre questo blog
non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene
aggiornato senza alcuna
periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto
editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 7.03.2001.
______________________




Blog attivo dal 21/06/2006

Proprietà dell'immagine
Proprietà del link
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella
Inserire una riga sopra
Inserire una riga sotto
Eliminare riga
Inserire colonna a sinistra
Inserire colonna a destra
Cancellare colonna
Unire celle orizzontalmente
Unire celle verticalmente
Dividere cella
Eliminare cella
Proprietà della cella
Mostra/Nascondi bordo
Proprietà della tabella

 
SOCIETA'
28 marzo 2008
Dialetti Corsari
Lu si visstu chillu cosu? (cfr. “L’hai vista quella cosa?”)


Treno Velletri-Roma, un posto dove -fosse per me- gli antropologi dovrebbero mettere un banchetto o una scrivania e non schiodarsi di lì per tutti i 35 anni di professione prima della pensione. Un posto pieno di meraviglie alla modica cifra di 1,20 euro a tratta.
Oggi accanto a me sedevano due signore velletrane (ovvero abitanti di Velletri), che con un idioma a me totalmente incomprensibile parlavano di qualche cosa attinente ad un’ottima carne comprata da un ottimo macellaio che aveva delle ottime bestie di sua proprietà. Sono state 30 minuti a parlarne. Imbarazzante. La loro calata invadeva tutta la carrozza, e loro non sembravano vergognarsene. La fonia velletrana è raccapricciante, ve lo posso assicurare. Mentre le sentivo mi è venuto in mente quel passo di Pasolini, dove in un saggio fa notare che il dialetto ha un ruolo fondamentale oggi: anch’esso serve, nel suo piccolo, ad arginare l’omologazione sempre più imperante della nostra società. Ebbene, io sentendo quelle due signore mi sono chiesto se Pasolini, quando scrisse quel passo, l’avesse mai sentito il dialetto velletrano. Sono sicuro di no, perché altrimenti non avrebbe fatto quelle osservazioni, o almeno avrebbe aggiunto qualche postilla o qualche nota bene, osservando delle opportune eccezioni, cacchio. Perché Pasolini, tra le tante cose, era anche un fine esteta, e se avesse sentito la bruttura del dialetto velletrano forse non avrebbe scritto quello che scrisse. Certe cose sono oggettivamente orrende, e qualora scomparissero non potrei che rallegrarmene vivamente, Pasolini o non Pasolini. Perché il dialetto velletrano, cazzo, fa schifo.

Emanuele


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. incontri razzismo ma con garbo

permalink | inviato da ema e tizi il 28/3/2008 alle 7:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte