Blog: http://emaetizi.ilcannocchiale.it

LA BANDA DEGLI ONESTI

Nel paese in cui se sei invalido percepisci una miseria l’anno (in media 350 euro mensili –ma si può arrivare a percepirne anche soli 238-) e non puoi permetterti di fare un lavoro in regola (pena la sospensione della pensione di invalidità), ci sono i nostri parlamentari che non si adeguano a questi codici previsti dalla Costituzione creando leggi ad hoc per la loro casta. Oligarchia travestita da democrazia. E’ oramai roba vecchia: il Parlamento si è dimostrato in più di un’occasione una nazione a sé in ambito legislativo. Il dato è oramai assodato da tempo, dai lauti indennizzi e buste paga, fino al più recente scandalo Pacs (scandalo che vedeva una legge analoga già vigente ma attuabile solo se si è parlamentare). Ora l’ennesimo colpo gobbo. Il settimanale L’Espresso denuncia quanto segue: ogni parlamentare, grazie a leggi da loro volute ed emanate, gode di un vitalizio che va dai 3 mila euro mensili -accumulabili con appena 5 anni di mandato- ai 10 mila, in caso di presenza nelle aule di Montecitorio per oltre 30 anni, il tutto calcolato in maniera percentuale. Non soddisfatti di tale lauta buona uscita, un ulteriore articolo prevede che tali mensilità possono continuare ad essere erogate anche qualora il parlamentare in questione decida di svolgere un altro lavoro. E questa possibilità ha risvolti infiniti: si va da Veltroni che somma lo stipendio di sindaco (5500 euro netti mensili) con il vitalizio di 9 mila euro lordi a Vito Riggio , ex Dc, attualmente commissario Enac (150 mila euro lordi l’anno), passando per Marida Bolognesi, ex Ulivo, tornata ad insegnare e pertanto beneficiaria di un reddito da lavoro dipendente. L’Espresso ne ha contati tremilatrecentodue tra ex parlamentari, deputati e senatori beneficiari di questa pensione. Molti di questi hanno pertanto un doppio reddito! Il triste record spetta a Luciano Benetton, che, per soli 2 anni spesi a Palazzo Madama, incassa una pensione vitalizia di 3108 euro lordi al mese. Inaudito! Il tutto quanto costa alle tasche dei contribuenti? 127 milioni di euro per i pensionati uscenti da Montecitorio, a cui si vanno a sommare i 60 milioni di euro dei pensionati ex-parlamentari. L’anno. Champagne!
Emanuele

FIRMATE QUI LA PETIZIONE ON-LINE PER RIDURRE LO STIPENDIO DEI PARLAMENTARI E SENATORI

Pubblicato il 2/2/2007 alle 0.22 nella rubrica OfficinaDemocratica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web