Blog: http://emaetizi.ilcannocchiale.it

La Politica del Terrore della Chiesa

A volte penso che la Chiesa abbia già raggiunto una tale pochezza da non poter divenire ancor più gretta nelle sue posizioni e nei messaggi che lancia ai propri fedeli. Poi mi tocca sentire parole come quelle di “monsignor” Angelo Amato, che rasentano l’inverosimile… E dire che quest’uomo riveste anche un ruolo di rilievo quale segretario della Congregazione della dottrina della fede! Questo maestro di fede ha dato grande prova della sua saggezza e della sua profondità d’anima. 

«Oltre all'abominevole terrorismo dei kamikaze c'e' il cosiddetto terrorismo dal volto umano» esordisce. Secondo lui, tale forma di terrorismo è mascherata da un linguaggio politicamente corretto, «come quando l'aborto viene chiamato interruzione volontaria della gravidanza e non uccisione di un essere umano indifeso o quando l'eutanasia viene chiamata più blandamente morte con dignità».  Poi prosegue con il suo delirio:«Il male oggi non è solo azione di singoli o di gruppi ben individuabili, ma proviene da centrali oscure, da laboratori di opinioni false, da potenze anonime che martellano le nostre menti con messaggi falsi, giudicando ridicolo e retrogrado un comportamento conforme al Vangelo». Per monsignor Amato, le cliniche abortiste sono «autentici mattatoi di esseri umani in boccio»; i laboratori dove si «fabbrica ad esempio la Ru 486, o dove si manipolano gli embrioni umani: i parlamenti dove si promulgano leggi contrarie all'essere umano». E paragona tutto questo alle sette sataniche che praticano «un vero e proprio culto sacrilego del male».

Ora qualcuno mi spieghi perché questa gente gira ancora a piede libero…

Tiziana

Pubblicato il 24/4/2007 alle 3.3 nella rubrica Religione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web